I problemi relativi al sonno possono diventare anche molto seri e portarvi ad avere tanti problemi che possono influire sia sulla vostra quotidianità che sulla vostra stessa salute. Per questo potrebbe essere utile assumere un piccolo aiuto per il sonno. Ma come potete capire quale potrebbe rivelarsi più adatto a voi?

Mentre il corpo di ognuno reagisce in modo diverso ai farmaci per il sonno, ci sono generalmente tre o quattro sostanze che sono considerate i più forti sonniferi, tra cui la valeriana, l’Ativan e la fentermina. Anche se ci sono stati molti studi diversi che dimostrano che questi farmaci sono efficaci per alcune persone, non dovrebbero essere utilizzati senza controllo medico a causa degli effetti che questi farmaci possono avere sui ritmi del sonno di una persona.

L’Ativan è un farmaco comune che viene utilizzato per trattare l’ansia e gli attacchi di panico, e di conseguenza, è uno dei più popolari sonniferi. È un antidepressivo, in quanto molte persone che soffrono di ansia e attacchi di panico spesso hanno problemi ad addormentarsi di notte. Il modo in cui l’Ativan funziona è che stimola il sistema nervoso, portando la persona a sentirsi calma e rilassata. Anche se ci sono molti diversi effetti collaterali con questo farmaco, quello che è più comune in assoluto è una maggiore probabilità di incidenti e comportamenti violenti durante il giorno. Anche se ci sono tanti altri problemi che sono associati con l’Ativan, molte persone rivelano anche che non è molto efficace nel trattamento dei loro disturbi del sonno.

La valeriana invece è un tipo di erba che è più comunemente conosciuta come tè. Come per tutti i tipi di erbe, ci sono alcuni gravi effetti collaterali quando questa pianta è combinata con un altro farmaco. Se si desidera provare questo rimedio a base di erbe senza prescrizione medica, allora è importante ricordare che può influenzare il fegato in modo negativo. Ci sono anche alcuni effetti collaterali quando si utilizza la valeriana che possono portare alla depressione, soprattutto sulle persone più anziane. Ci sono anche alcuni casi in cui la persona che prende questo tipo di farmaco sviluppa una mancanza di interesse a prendere il farmaco in primo luogo. Se si sta prendendo in considerazione questa opzione per il trattamento dell’insonnia, allora si consiglia di provare prima per capire se sia adatto. Tutto questo ovviamente solo dopo aver consultato il vostro medico e aver avuto la sua opinione.

Maggiori info qui, visitate il sito.