Fra i sistemi di riscaldamento più gettonati del momento si piazzano in pole position i termoventilatori. Questi apparecchi sono particolarmente apprezzati per la convenienza e la versatilità. Infatti, oltre a costare relativamente poco e a riscaldare qualsiasi ambiente purché raccolto, la maggior parte dei termoventilatori è anche in grado di rinfrescare d’estate e di contrastare le gelate in pieno inverno grazie alla funzione ‘anti-gelo’. Un altro motivo che spiega il loro successo di mercato è la semplicità di questo apparecchio elettrico che funziona semplicemente collegando il filo alla presa e attivando lo start. In questi casi, si sconsiglia l’utilizzo di prolunghe o ciabatte elettriche, è sempre meglio non frapporre cavi intermedi fra l’apparecchio e la spina. Altro vantaggio dei termoventilatori, dove il calore come s’intuisce dalla definizione viene distribuito da un sistema a ventola, è la rapidità con cui scaldano la stanza e, una volta raggiunta la temperatura desiderata, la mantengono a lungo a grado costante.

A quel punto il termoventilatore si stacca in automatico, segnando un significativo taglio ai consumi energetici, per riaccendersi da solo quando la temperatura ambiente si è raffreddata per riportarla ai livelli di climatizzazione e comfort voluti. I migliori termoventilatori sono concepiti per non surriscaldarsi, a riguardo sono provvisti di un esclusivo sensore che innesca lo stop automatico dell’apparecchio quando la resistenza elettrica tende a raggiungere un eccessivo grado di surriscaldamento. È importante verificare la presenza di questo dispositivo di sicurezza quando si acquista un termoventilatore, bisogna anche sapere che fa pulito a intervalli periodici, in quanto la polvere che si accumula potrebbe pregiudicarne il funzionamento.

Anche le griglie in prossimità della ventola vanno pulite, meglio se con l’ausilio di un aspiratore. Questi piccoli accorgimenti di manutenzione vanno seguiti per poter contare a lungo sull’apparecchio e, comunque, sono tutti riportati alla lettera sulle istruzioni del manuale fornito al momento dell’acquisto, quindi basterà attenersi alle indicazioni riportate nel libretto per non avere problemi e disporre di un termoventilatore sempre in ordine e duraturo. È sottinteso che queste operazioni di pulizia debbano essere svolte ad apparecchio spento e raffreddato. Volete fare una conoscenza più approfondita dei migliori termoventilatori? Un modo c’è ed è quello di accedere alle info e offerte presenti sul sito https://guidatermoventilatore.it.